Parco nazionale del Tarangire: il fascino selvaggio della Savana

Parco nazionale del Tarangire

Il Tarangire National Park è un bellissimo parco di 2.600 kmq che si estende lungo il corso del fiume Tarangire, a sud-est del Lago Manyara, caratterizzato da panorami di selvaggio fascino dove la savana primeggia.
Il paesaggio è disseminato di enormi baobab, alberi spettacolari di dimensioni incredibili (possono raggiungere i 25 m di altezza), particolarmente longevi e resistenti con fusto rigonfio e bizzarra chioma spesso spoglia che assomiglia molto ad un apparato di radici. Pur essendo ormai un albero icona dell’Africa, conosciuto in tutto il mondo, per i locali rappresenta anche una fonte di cibo e di medicine e da molte tribù viene ritenuto sacro.
La stagione secca, soprattutto da Agosto a Ottobre, è il periodo migliore per visitare questo parco perchè vi è la più alta concentrazione di animali di tutti i parchi del paese, per una migrazione di massa di gnu, zebre, antilopi ed elefanti, che si concentrano soprattutto intorno alle pozze d’acqua che rimangono del fiume.
Gli elefanti, in particolare, sono una presenza molto elevata durante tutto l’anno ed è facile incontrarli in gruppi anche a distanza molto ravvicinata. Potrete avvistare tutto l’anno anche antilopi, kudu, giraffe, gazzelle, impala, antilopi d’acqua e ben oltre 500 specie di uccelli.
Gli itinerari più battuti nel parco sono sicuramente quelli che si snodano lungo il fiume, dove è più probabile l’avvistamento della maggior parte degli animali, ma interessanti, solo nella stagione secca, sono anche le paludi meridionali che alimentano il fiume Tarangire, dove transitano migliaia di bufali e di elefanti in cerca di fango refrigerante.

mappa parco nazionale del tarangire

mappa parco nazionale del tarangire

Il parco fa parte di un ampio ecosistema dove gli animali transitano liberamente, comprendente anche la Lolkisale Game Controlled Area a nord-est e la Mkungunero Game Controlled Area a sud.
All’esterno del parco, può essere interessante un’escursione al lago Burunge, caratterizzato da rive punteggiate dalle caratteristiche piante di euforbia candelabro, e da acque basse e alcaline, luogo ideale per numerosi stormi di fenicotteri tra luglio e novembre. Durante la stagione secca, inoltre, la bassa profondità riduce ulteriormente l’ampiezza del lago, che diviene in gran parte un’estesa crosta salina.





Si prega di selezionare sotto l'icona della parola Casa.


Safari Avventura